STORIA EUROPEI

2000 - GALLETTI D'ASSALTO

La Uefa decide di allargare la fase finale a 16 squadre nell' europeo da organizzare in Belgio/Olanda (,per la prima volta due paesi organizzatori) ,nelle qualificazioni non ci sono particolari sorprese ,L'Italia di Dino Zoff si qualifica prima nel proprio girone non senza qualche difficoltà, insieme alla Danimarca ,tutte le favorite accedono alla fase finale

Insieme all'Olanda e il Belgio accedono Germania,Inghilterra,Portogallo,Romania,Belgio,Italia,Svezia,Turchia,Jugoslavia,Norvegia, Slovenia,Spagna,Danimarca,Francia,Olanda,Repubblica Ceca. Gli azzurri vincono di slancio il loro girone battendo nell'ordine Turchia,Belgio e Svezia e si qualificano ai quarti dove incontrano la Romania; l'Italia gioca bene e vince agevolmente per 2-0 qualificandosi per la semifinale contro l' Olanda padrona di casa ,il pronostico pende dalla parte degli olandesi, grandi favoriti per la vittoria finale, ma gli azzurri pur giocando per molto tempo in dieci inchiodano sullo 0-0 gli arancioni e li battono ai rigori. Alle semifinali arrivano anche la Francia e il Portogallo dove a prevalere sono i blues di Francia per 2-1 nei supplementari. La finale di Rotterdam vede di fronte l'Italia contro la Francia ,sentito derby delle Alpi, gli azzurri giocano bene e passano meritatamente in vantaggio sfiorando ripetutamente il raddoppio, ma nel finale i transalpini pareggiano ;si va ai supplementari, gli azzurri accusano il colpo e subiscono il golden goal di Trezeguet ,vince la Francia per la seconda volta campione bissando la vittoria del mondiale casalingo, è una squadra che conta un vero fuori classe come Zinedine Zidane e altri campioni come Deschamps,Trezeguet,Henry,Blanc, tutti giocatori che avranno una luminosa carriera

2004 - LA GIOIA GRECA

Alla qualificazione per la fase finale prevista in Portogallo ,vi parteciparono 50 squadre con la qualificazione di Grecia,Spagna,Russia,Francia,Inghilterra,Svizzera,Croazia,Italia,Danimarca,Bulgaria,Svezi ia,Germania,Olanda,Repubblica Ceca e Lettonia insieme al Portogallo ,padrone di casa. L'Italia si qualifica senza grossi problemi nel proprio girone ,vincendolo davanti alla Serbia ,il c.t. è Giovanni Trapattoni, uno dei più esperti allenatori in circolazione

In Portogallo si affrontano praticamente le migliori squadre europee con qualche sorpresa come la Lettonia ; nei gironi di qualificazioni ci sono alcune sorprese come l'eliminazione della Germania e dell'Italia ,gli azzurri vengono eliminati grazie alla classifica avulsa dalla Svezia e Danimarca ,sospettate fortemente di aver confezionato il pareggio per 2-2 nell'ultima partita ,risultato perfetto per eliminare l'Italia e qualificare entrambe le squadre scandinave.

Nei quarti di finale si affermano il Portogallo,la sorprendente Grecia,l'Olanda e la Rep.Ceca e nelle semifinali si confermano il Portogallo ,che sfrutta la spinta del pubblico amico e l'assoluta sorpresa della Grecia .Sembra una finale segnata ,con i portoghesi nettamente favoriti per la vittoria ,invece i greci con il loro feroce impegno e la loro tattica ultra difensivista, riescono a beffare i padroni di casa con un isolato contropiede del centravanti Charisteas ; è l'apoteosi di un calcio antico, basato su una difesa ferrea e veloci azioni di rimessa . La Grecia è una squadra senza autentici fuoriclasse ma con giocatori di buona caratura internazionale, come il portiere Nikopolidis, la mezzala Karagounis, l'attaccante Charisteas ma soprattutto con un allenatore navigato ed esperto come il tedesco Rehhagel.

2008 - SPAGNA D'AUTORE

Alla 13° edizione dei campionati europei  vi partecipano 50 squadre, suddivise nei vari gironi, la principale sorpresa è l'eliminazione dell'Inghilterre che arriva terza nel suo girone dietro a Croazia e Russia ,per il resto tutte le migliori si qualificano alla fase finale in Austria e Svizzera ,compresa l'Italia che ottiene la qualificazione con il 1° posto del suo girone davanti alla Francia

Alla fase finale vi accedono oltre all'Austria e la Svizzera ,paesi organizzatori, Francia,Germania,Grecia,Italia,Olanda,Polonia,Portogallo,Repubblica Ceca,Romania,Russia,Spagna,Svezia,Svizzera,Turchia. L'Italia del c.t.Donadoni parte malissimo facendosi battere nettamente dall'Olanda per 3-0 ma riesce a qualificarsi come seconda nel girone, pareggiando con la Romania e battendo la Francia per 2-0 .Ai quarti di finale ,però, gli azzurri incontrano i lanciatissimi spagnoli e vengono eliminati ai calci di rigore dopo aver pareggiato per 0-0 i tempi regolamentari e supplementari giocando una partita troppo attendista e rinunciataria . Oltre alla Spagna in semifinale vi giungono la Germania,la sorprendente Turchia e la Russia, la Germania elimina la Turchia dopo un incontro molto combattuto per 3-2 segnando la rete vincente nel finale mentre gli iberici battono agevolmente la Russia per 3-0 ; in finale scontro tra Spagna e Germania nello scenario del nuovo Prater di Vienna che vede vincitori i rossi di Spagna grazie ad una rete del talentuoso attaccante Fernando Torres ; è la giusta consacrazione di una squadra che gioca un calcio avvolgente molto tecnico e offensivo, sotto la regia di due autentici fuoriclasse come Xavi e Iniesta ,guidata da un allenatore esperto come Luis  Aragones, è il primo acuto di una squadra che si confermerà la migliore al mondo negli anni successivi

2012 - PROFONDO ROSSO

E' l'ultima edizione dei campionati europei con la fase finale a 16 squadre, in quanto dall'edizione del 2016 si passerà a 24 squadre ,la fase finale viene assegnata alla Polonia/Ucraina e vi accedono praticamente tutte le migliori squadre, la nuova Italia del c.t. Claudio Prandelli accede senza problemi alla fase finale vincendo agevolmente il suo girone di qualificazione ,è una squadra che gioca un calcio piacevole anche se a volte poco concludente

In Polonia e Ucraina si qualificano oltre le nazioni ospitanti Croazia,Danimarca,Francia,Germania,Grecia,Inghilterra,Irlanda,Italia,Olanda,Rep.Ceca ca,Russia,Spagna e Svezia .L'Italia supera il proprio girone dietro alla Spagna,gran favorita,pareggiando bene con gli iberici , pareggiando con qualche affanno con la Croazia e vincendo contro l'Irlanda (allenata da Trapattoni) .Nei quarti gli azzurri si scontrano contro l'ambiziosa Inghilterra e la superano ai calci di rigore,dopo aver pareggiato a reti bianche l'incontro, giocando comunque meglio degli inglesi.Passano ai quarti tutte le favorite con l'unica sorpresa dell'eliminazione della Russia in favore della Rep.Ceca .In semifinale insieme agli azzurri vi giungono Spagna, Portogallo e Germania ed è proprio contro i tedeschi che gli azzurri si giocano la semifinale, partita che vede salire alla ribalta Balotelli , il nuovo attaccante di colore dell'Italia, che realizza una doppietta con cui gli azzurri vincono per 2-1 l'incontro, raggiungendo per la terza volta nella loro storia la finale europea. In finale vi giunge anche la favorita Spagna che elimina ai calci di rigore il Portogallo; si presume che gli spagnoli siano in difficoltà per il modo con cui si sono qualificati alla finale e invece a Kiev le furie rosse battono  per 4-0 un Italia impresentabile dal punto di vista fisico, conquistando per la seconda volta consecutiva il titolo europeo . La squadra iberica già campione del Mondo e d'Europa in carica, si conferma la migliore in assoluto attraverso la tecnica e la disciplina tattica dei suoi migliori campioni ,come il portiere Casillas,l'elegante centrale difensivo  Piquè,il regista Xavi,la funambolica mezzala Iniesta e l'eclettico centrocampista Fabregas, il tutto sotto la sapiente mano dell'allenatore Del Bosque.

 

2016 - PORTOGHESI D'EUROPA

La prima edizione della nuova formula a 24 squadre del Campionato europeo di calcio viene assegnata alla Francia , a parte l'Olanda si qualificano tutte le Big del calcio europeo insieme all'esordio internazionale di paesi come l'Albania e l'Islanda. Gli azzurri ,allenati da l'ex tecnico bianconero Conte, vincono abbastanza agevolmente il proprio girone di qualificazione , sopravanzando la forte formazione della Croazia.

Inserita nel gruppo di qualificazione agli ottavi di finale insieme a Belgio,Irlanda e Svezia , l'Italia ,nel generale scetticismo, sorprende la critica ed i tifosi, battendo la forte formazione belga e la sempre temibile Svezia (capitanata dal fuoriclasse Ibrahimovic) fermandosi solo nell'ultimo match contro gli irlandesi (inutile ai fini della qualificazione); gli azzurri vincendo il proprio girone si qualificano per gli ottavi di finale dove trovano  un avversario quasi proibitivo rappresentato dai Campioni d'Europa della Spagna, ma la grande organizzazione tattica e l'ottima condizione atletica della formazione guidata dal c.t.Conte permette di sorprendere gli spagnoli battendoli in modo chiaro per 2-0. Nei quarti di finale l'Italia si ferma solo ai calci di rigore contro un altro grande avversario come la Germania Campione del Mondo, dopo aver pareggiato l'incontro per 1-1.

La formazione del tabellone di qualificazione dell'Europeo riserva qualche sorpresa, in quanto fa incrociare le principali favorite alla vittoria finale favorendo la qualificazione alle semifinale di due sorprese come il Galles e il Portogallo,la formazione lusitana liquida senza problemi i britannici accedendo per la seconda volta della propria storia alla finalissima. Nell'altra semifinale si scontrano i padroni di casa della Francia e della Germania  e sono proprio i transalpini che finalmente riescono a superare la sempre indigesta (per i francesi) formazione tedesca. La finale sembra alla portata della Francia,apparentemente più attrezzata dei lusitani, invece i portoghesi imbrigliano il gioco dei galletti francesi con la loro forte difesa ed il loro talentuoso centrocampo, colpendo al cuore la Francia nel secondo tempo supplementare con il subentrato Eder ,poco considerato attaccante di colore.Per la prima volta nella storia calcistica il Portogallo si laurea Campione d'Europa , lo fa  con una formazione ben preparata dall'esperto tecnico Fernando Santos, con difensori esperti come il centrale Pepe, centrocampisti tattici e tecnici come i giovani Joao Mario e Renato Sanches ed infine con  il grande attaccante del Real Madrid Cristiano Ronaldo (nonostante l'infortunio subito nella finale)