STORIA CHAMPIONS LEAGUE

Indice articoli

 1992 : I BLAUGRANA SUL TETTO D'EUROPA

Arriva anche il momento del BARCELLONA, che iscrive per la prima volta il suo nome sull'albo d'oro della Coppa dei Campioni che nel frattempo  diventa la  Champions League (con i gironi di qualificazione e l'aumento delle squadre partecipanti) I catalani allenati dal grande Johan Cruijff si affermano attraverso un gioco corale e organizzato, esaltato dalla potenza del regista difensivo Ronald Koeman (già campione con gli olandesi del Feyenoord), dalla grinta e dalla tecnica dei centrocampisti Bakero e Guardiola,dalla classe degli attaccanti Michael Laudrup e soprattutto dell'estroso bulgaro Stoichkov.

1993 : IL CLAN DEI MARSIGLIESI

Per la prima volta una squadra francese s'aggiudica il titolo europeo grazie all'OLYMPIQUE MARSIGLIA dell'allenatore Raymond Goethals , i francesi sorprendono in finale il favoritissimo Milan che vince tutti gli incontri di qualificazione ma viene fermato nell'epilogo dalla squadra transalpina. E' una sqaudra ,quella del Marsiglia, completa in tutti i reparti ,dalla difesa con il portiere della nazionale francese Barthez, il terzino Angloma,il centrale Boli, al centrocampo con il motorino Deschamps,la mezzala Sauzee e infine all'attacco, con il croato Boksic,il bomber tedesco Voller e la stella del calcio africano Abedi Pelè.

1994 : L'EUROPA DEL DIAVOLO

Il MILAN torna a vincere in Europa nella stagione meno attesa,con una squadra rinnovata dopo gli addii dei tre grandi olandesi Gullit,Rijkaard e Van Basten. E' infatti una squadra rinnovata ma motivata e organizzata al punto giusto dal suo allenatore Fabio Capello che lancia in squadra giocatori importanti come il mediano Desailly ,autentica barriera davanti alla difesa, il geniale fantasista montenegrino Savicevic (già campione con la Stella Rossa) e l'efficace Massaro, trasformato dal suo allenatore da centrocampista in un prolifico attaccante moderno.

1995 : LA VENTENNALE DI AMSTERDAM 

Dopo poco più di 20 anni la gloriosa squadra olandese dell'AJAX torna sul trono d'Europa,i lancieri diretti dal nuovo guru del calcio olandese Van Gaal tornano ad essere una squadra vincente grazie ad un manipolo di giovani giocatori (tutti formati nelle giovanili) di assoluto valore come i gemelli De Boer (uno difensore e l'altro centrocampista) le mezzeali Davids e Seedorf, l'ala destra nigeriana Finidi,l'attaccante finlandese Litmanen e il fantasista Overmars, sotto la sapiente regia di Rijkaard, tornato a casa dopo i fasti rossoneri.

1996 : LA SIGNORA D'EUROPA 

Finalmente la formazione torinese della JUVENTUS può celebrare il suo trionfo europeo dopo la tragedia dell'Heysel e lo fa con una squadra rinnovata nello spirito e nel gioco dal suo nuovo allenatore Marcello Lippi che plasma una formazione dal furore agonistico e tecnica autentica, attraverso  giocatori del calibro di Vialli e Ravanelli ,formidabili e indomiti attaccanti,di Alessandro Del Piero, fantasista e astro nascente del calcio italiano, del portiere Peruzzi, autentica sicurezza, e di molti  altri giocatori di classe internazionale come il difensore Ferrara e il regista lusitano Paulo Sosa

1997 : LA BIRRA DI DORTMUND

E' il BORUSSIA DORTMUND a sbarrare la strada alla Juventus di Lippi, sono infatti i tedeschi ad aggiudicarsi il titolo di Campioni d'Europa per la prima volta nella loro storia. La squadra di Dortmund è allenata da un tecnico esperto come Ottmar Hitzfeld e conta su uomini con grande esperienza internazionale come il centrale difensivo Kohler, il regista portoghese Paulo Sousa, il fantasista Moller,l'attaccante Riedle e il sempre importante capitano Sammer; i tedeschi si dimostrano squadra molto quadrata sotto tutti i punti di vista, ben amalgamati dall'esperienza del proprio allenatore.

1998 : IL RITORNO DELLE MERENGUES 

Dopo 32 anni d'attesa la Coppa torna a Madrid, in casa del REAL MADRID, che batte in finale la Juventus (alla terza finale consecutiva) e vince il suo settimo titolo europeo.La squadra madrilena allenata dal tedesco Heynches si dimostra la più completa, affidandosi a giocatori esperti e di classe come il difensore italiano Panucci,l'esperto centrale difensivo Hierro, il forte terzino sinistro brasiliano Roberto Carlos, l'affidabile centrocampista argentino Redondo, la stella spagnola Raul e il geniale attaccante slavo Mijatovic (decisivo in finale).

1999 : IL MIRACOLO DEI RED DEVILS 

Gli inglesi del MANCHESTER UNITED tornano sul tetto d'Europa dopo 30 anni e lo fanno nel modo più rocambolesco possibile vincendo nei minuti di recupero una finale già virtualmente persa contro i tedeschi del Bayern, è una vittoria incredibile che premia la terribile convinzione dello squadrone allenato dal grande Alex Ferguson, che crea una vera propria "orchestra" calcistica, tanto sono omogenei nel proprio gioco gli inglesi che coprono con disinvoltura tutte le zona del campo.Oltre ad essere molto collettivi i Red Devils hanno nelle proprie file autentici talenti del calibro del difensore Gary Neville, del centrale difensivo olandese Stam, della velocissima e tecnica ala gallese Giggs, dell'elegante mezzala Beckham e dei due attacanti di colore Cole e Yorke.

2000 : SOTTO IL SEGNO DEL REAL

Il REAL MADRID ci prende gusto e dopo soli 2 anni ribadisce la vittoria del 1998, i madrileni allenati da una bandiera della propria storia Vicente Del Bosque si confermano campioni con una squadra relativamente giovane come il  portiere Casillas e gli attaccanti Raul e Morientes ai quali si aggiungono giocatori più esperti come Roberto Carlos e Fernando Redondo. Il titolo arriva grazie ad una vittoria in finale  contro il Valencia, altra squadra spagnola e sarà la prima finale tra due squadre delle stesso paese. 

2001 : EUROPA ALLA BAVARESE 

Ritorna ad iscrivere il proprio nome nell'albo d'oro della competizione il BAYERN MONACO, i bavaresi allenati da Hitzfield (tornato in patria dopo il successo madrileno) dimostrano in campo tutta la solidità e la concretezza del calcio tedesco attraverso giocatori come il portiere Kahn, i centrocampisti Jeremies ed Effenberg ma anche con talento come la mezzala Scholl e il centravanti brasiliano Elber.

2002 : L'ORA DEI GALACTICOS 

Terzo successo in 5 anni del REAL MADRID ancora allenato da Del Bosque, i bianchi di Madrid sono diventati una super squadra grazie all'ingaggio di autentici assi del calibro di Zidane e Figo, fantasisti rispettivamente di Francia e Portogallo. I madrileni vincono la loro nona coppa dei campioni con una squadra dal tasso tecnico elevatissimo, con un calcio sempre propositivo e brillante